X-INERMA

Xearpo aflatossine esplosività fermentazione vino tossine ossidazione

X-INERMA

X-Inerma è costituito da un’unità di misura di ossigeno e una valvola motore. Effettua la misurazione della concentrazione di ossigeno in un dato ambiente e, successivamente alla
misura di temperatura e pressione, rilascia azoto rendendo l’atmosfera inerte. Con l’ausilio di un inlet, una pompa preleva l’aria ambiente; questa viene successivamente immagazzinata dentro una camera di misura, nella quale vengono effettuate le misure di pressione e concentrazione di ossigeno; sulla base di tali misure viene rilasciata una corrispondente quantità di azoto.

Xearpo aflatossine esplosività fermentazione vino tossine ossidazione

ESEMPI DI APPLICAZIONE: AFLATOSSINE

Un caso classico sono le aflatossine, macromolecole emesse da spore particolarmente devastanti ed estremamente tossiche per l’uomo e l’ambiente e che si possono formare nei silos. Queste tossine possono essere determinate in modo sicuro utilizzando un conveniente sistema di analisi granulometrica che può essere applicato direttamente nel silo. La misura della quantità di ossigeno e l’indagine granulometrica applicata in situ possono essere estremamente indicative per garantire stabilità all’ossidazione e alla contaminazione microbiologica dei prodotti conservati nel silo.

Xearpo aflatossine esplosività fermentazione vino tossine ossidazione

ESEMPI DI APPLICAZIONE: INCENDIO – ESPLOSIONI

L’inertizzazione viene utilizzata anche per evitare esplosioni o prevenire la formazione di incendi all’interno dei silos. Perché si formi un incendio o si sviluppi un esplosione, sono necessari tre fattori: materiale combustibile, ossigeno e scintilla. Per materiale particolato combustibile si intende qualunque forma di particolato solido che presenti un pericolo di degradazione incendiaria se sospeso in aria o altri mezzi ossidanti lungo un vasto range di concentrazioni e indipendentemente dalla forma e dalla dimensione. Pertanto, granaglie e polveri tipicamente immagazzinate nei silos sono una forma di particolato combustibile. Le condizioni che concorrono a sviluppare un incendio in un silo sono le seguenti: | bassa umidità | presenza di particolato combustibile | presenza di una nuvola sospesa di tale particolato combustibile al di sopra della concentrazione minima di esplosione | confinamento di tale nuvola dentro un volume chiuso o parzialmente chiuso | concentrazione di ossigeno oltre un certo limite all’interno della nuvola | sorgente di ignizione ritardata di energia sufficiente oppure temperatura suffcientemente alta da causare l’autoignizione.